fbpx

-Mutui: domanda ancora giù, ma sale l’importo medio

Anche il 2018, dopo un 2017 che ha chiuso tutti i mesi in negativo, si apre con una frenata della domanda di mutui: il monitoraggio mensile delle interrogazioni sul Sistema di informazioni creditizie di Crif relative sulla richiesta di nuovi finanziamenti ipotecari e surroghe da parte delle famiglie italiane fa segnare a gennaio -10,8% rispetto allo stesso periodo del 2017. «Nello specifico – si legge in una nota – il fenomeno delle surroghe risulta in significativa contrazione e incide negativamente sulla performance dell’intero comparto».

-Come cambia Klimahouse: meno materiali isolanti e più benessere

Un edificio dotato di dispositivi “social”. Che interagiscono con l’ambiente, con gli altri impianti e con i sistemi tecnologici di casa. Per la predisposizione di alloggi sempre più smart. Dove le abitudini di chi li abita sono osservate e mappate dal sistema. E dove una sorta di supervisor intelligente, come il migliore dei maggiordomi, predispone lo spazio, tagliandolo sullo stile di vita dell’inquilino. Non sono suggestioni. Ma possibilità in rete, a misura di mercato. A servizio del comfort nelle unità immobiliari.

-Mutuo, 140 giorni dall’idea alla firma. Come non far salire il tasso nell’attesa

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Quando si parla di mutui il “mare” equivale a 140 giorni. È questo il lasso di tempo che in media oggi impiega un “aspirante mutuatario” per trasformarsi in debitore a tutti gli effetti, ovvero per arrivare a concludere con successo il rogito dell’acquisto della casa attraverso il finanziamento bancario.

I calcoli – effettuati da Facile.it e Mutui.it su un campione di circa 1.500 pratiche relative all’anno 2017 – partono dal momento in cui viene individuato l’immobile fino alla stipula del contratto. Nel mezzo ci sono molti passaggi: alcuni vedono protagonista direttamente l’acquirente, altri dipendono dal tempo impiegato dei vari attori coinvolti nel percorso (consulenti, ufficio del catasto, periti, banche, eccetera).

-Undici miliardi gli investimenti nell’immobiliare italiano nel 2017

Gli investimenti nel real estate italiano nel 2017 sono stati di oltre 11 miliardi di euro, in crescita del 21% rispetto all’anno precedente 2016. È quanto emerge dall’analisi dei dati preliminari di chiusura anno elaborata da Cbre, società che opera nella consulenza immobiliare.

-Come sfruttare al meglio il sottotetto di una villetta

A volte può risultare difficile sfruttare al meglio il piano appena sotto il tetto della propria casa, che sia un attico o una casa indipendente, a causa di vari piccoli problemi: tetto spiovente che riduce lo spazio abitabile, maggiore esposizione agli agenti atmosferici, difficile circolazione dell’aria e della luce.

 


Richiedi maggiori informazioni

Open chat
1
Ciao 👋,
hai bisogno di informazioni?
Se vuoi siamo qui per aiutarti 🤗
Powered by